domenica 13 maggio 2012

salvare il mondo con autoironia: The Avengers

Per gli appassionati del genere la loro gloriosa rimpatriata in un unico film è l’evento dell’anno.  Sto parlando dei supereroi della Marvel, i vendicatori, The Avengers, guidati dal regista Joss Whedon alla conquista dei box office mondiali.


Benché io non ami i film d’azione prevedibili, catastrofici e America-centrici, sono andata, da brava pecorella, a vederlo comunque (un po’ anche trascinata dall’entusiasmo di mio nipote adolescente) e devo ammettere che non mi è dispiaciuto. Non mi sono annoiata come prevedevo, anzi l’ho trovato coinvolgente e simpatico grazie alla prodezza epica, retorica, ridicola dei suoi protagonisti che salvano il mondo con autoironia.
Ecco una carrellata dei personaggi.

Iron Man : un genio, miliardario, playboy, filantropo. Io mi farei salvare da lui.

Capitan America : il più anziano del gruppo – anche se non si direbbe – con un non so che di Pasquale Laricchia.

Hulk : il più forte e stupido di tutti, le dà di santa ragione a qualsiasi essere (anche a Thor poraccio!) senza sapere chi, cosa, quando, dove e perché. Un mito.

Thor : sarà il capello lungo e biondo, sarà l’occhio azzurro, sarà l’armatura, saranno i muscoli, insomma sarà quel che sarà ma è obiettivamente un gran figo, e quando tira fuori il martello non ce n’è per nessuno – ho detto tutto.

Vedova Nera : Forte, agile, impavida, perspicace. Bravissima Scarlett, ma chi ci crede!!

Occhio di Falco : avrà pure l’occhio di falco ma gliela fanno sotto il naso come niente! Un Robin Hood moderno e anche un po’ fessacchiotto.

Nick Fury : interpretato da Samuel L. Jackson nel solito ruolo di Samuel L. Jackson!

Loki : oltre ad avere un nome simile a quello di un antinfiammatorio, ricorda Kekko Silvestre dei Modà. E non è bello aspettarsi da un momento all’altro che il cattivone del filmone si metta a guardare le nuvole su un tappeto di fragole come un pittore che arriverà insieme ad Emma Marrone! Ecco, proprio no!