giovedì 21 luglio 2016

silenzio

In time of war we dispute about nothing”
(A Natural History of the Dead, Ernest Hemingway)



Una settimana fa, dopo l’ennesimo attentato terroristico, ancora una volta in Francia, a Nizza, avrei voluto postare qualcosa: un pensiero per le vittime, un commento, una riflessione sull’accaduto. Ma non l’ho fatto e credo che non lo farò mai più. Scelgo il silenzio perché queste stragi, siano esse scatenate da motivi religiosi,  ideologici, politici, economici o da mera pazzia, hanno lo scopo di seminare il panico e il nostro clamore sui social non fa che alimentare la paura collettiva bramata dai terroristi. Lasciamo la parola ai giornali: a loro il compito di informare, approfondire, sviscerare questa guerra. A noi il compito di comportarci bene nel nostro piccolo e di pregare per la pace nel silenzio dei nostri cuori.

'Silence' - Brian Powers

Nessun commento:

Posta un commento